Deumidificatore – A Cosa Serve

In questa guida spieghiamo a cosa serve il deumidificatore.

Il deumidificatore è un elettrodomestico in grado di assorbire l’umidità presente nell’abitazione nella quale è posto e trasformarla in acqua distillata, ottima questa per vari usi come, per esempio, rabboccare il serbatoio del ferro da stiro. Si tratta di un elettrodomestico fondamentale per tutti coloro che possiedono una casa molto umida che ha bisogno di essere risanata.

Grazie al deumidificatore, infatti, è possibile eliminare l’umidità in eccesso da tutte quelle abitazioni che presentano intonaci che si staccano, sempre per problemi dovuti all’umidità. Si tratta quindi di un’alternativa ai metodi casalinghi, relativamente ai quali è possibile vedere questa guida sul deumidificatore fai da te su Casalingaperfetta.com, quando l’umidità di rimuovere è elevata.

Questo elettrodomestico è dunque fondamentale per lo stato non solo delle case che presentano infiltrazioni di umidità, ma anche per chi abitaa in queste case. Il problema dell’umidità non si ferma, infatti, al solo fatto estetico di non volere vedere le brutte macchie che sono poi in grado di danneggiare infissi e anche rivestimenti in ceramica ma tocca personalmente coloro che soggiornano in questi locali.

Va detto che il deumidificatore non non elimina le infiltrazioni di acqua o le risalite di umidità, quelle rimarranno comunque, ma elimina i sintomi, ovvero renderà invisibile l’umidità presente nell’ambiente scaricandola sotto forma di acqua. In questo modo, però, si evitano spese di gran lunga superiori a quelle di acquisto di un deumidificatore, che ci si troverebbe a dover sostenere nel caso si debba rifare la coibentazione dei muri o segare gli stessi per evitare le risalite di umidità.

Il funzionamento di un deumidificatore, del resto, è molto semplice, grazie ad un apposito circuito refrigerante, l’aria viene trasformata in acqua e quindi viene immagazzinata in un apposito serbatoio, che va dovrà essere svuotato quando pieno.

A seconda del tipo di uso che andremo a fare del deumidificatore, si potrà optare per un modello portatile, il cui grande vantaggio è la facilità di trasporto da un ambiente all’altro e il cui lato negativo, se vogliamo è il dover svuotare di volta in quando la vaschetta dell’acqua oppure per un modello a incasso, solitamente meno costosi, in termine di costi di gestione rispetto quelli portatili, ma, appunto, fissi, quindi inamovibili.

Ancora, ulteriore elemento di scelta del deumidificatore è la dimensione dell’ambiente da deumidificare, ogni dispositivo è disegnato solamente per assorbire una determinata quantità di acqua. Risulta essere pertanto importante leggere, tra le specifiche, quale sia il volume di massa d’aria da deumidificare che può gestire l’elettrodomestico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *